Phil Schiller di Apple entra nel consiglio di amministrazione di OpenAI

Phil Schiller di Apple entra nel consiglio di amministrazione di OpenAI

> Microsoft ha già un posto nel consiglio di amministrazione.

Apple ha designato il responsabile dell'App Store e ex capo del marketing, Phil Schiller, per rappresentare l'azienda nel consiglio di amministrazione non profit di OpenAI, come riportato da Bloomberg. Schiller avrà un ruolo di osservatore, il che significa che potrà partecipare alle riunioni del consiglio senza però avere diritto di voto o possibilità di agire come direttore.

L'ingresso nel consiglio permetterà a Schiller di approfondire la conoscenza dei processi interni di OpenAI mentre Apple lavora all'integrazione di ChatGPT in iOS e macOS entro la fine dell'anno. Questa integrazione consentirà a Siri, potenziato dall'intelligenza artificiale, di indirizzare interrogazioni più complesse a ChatGPT, a condizione che gli utenti ne diano il permesso. Secondo quanto riportato in precedenza da Bloomberg, al momento non sono coinvolti fondi nella partnership, sebbene si preveda che Apple possa ricevere una percentuale degli abbonamenti a ChatGPT effettuati attraverso le sue piattaforme in futuro.

L'anno scorso, Microsoft ha anche ottenuto una posizione di osservatore non votante nel consiglio che controlla OpenAI. La presenza sia di Apple che di Microsoft nel consiglio di OpenAI potrebbe complicare la discussione di piani con entrambe le compagnie. Bloomberg sottolinea che è piuttosto insolito che gli executive di Apple assumano posti nel consiglio di aziende con cui collaborano.

Il Verge ha contattato OpenAI e Apple per un commento sul rapporto di Bloomberg. Aggiorneremo questa notizia non appena riceveremo una risposta.

Logo AiBay