🏗️ Il sito è in costruzione.

La sorprendente ascesa del primo concorso di bellezza al mondo con intelligenza artificiale

La sorprendente ascesa del primo concorso di bellezza al mondo con intelligenza artificiale

> Il concorso di bellezza per IA potrebbe sembrare ridicolo o inquietante, a seconda dell'interlocutore. Tuttavia, i World AI Creator Awards rivelano qualcosa di più profondo sulla cultura degli influencer moderni..

Fanvue, una piattaforma creativa infusa di intelligenza artificiale, ha lanciato ad aprile quello che definisce il "primo concorso di bellezza al mondo per creatori AI". Lunedì, i World AI Creator Awards hanno annunciato i 10 semifinalisti del concorso, selezionati da un gruppo di più di 1500 candidati. I partecipanti stanno competendo per un premio del valore di circa 20.000 dollari.

Tra i finalisti troviamo Seren Ay, una rossa turca di spettacolare bellezza, talvolta ritratta mentre svolge lavori tradizionalmente maschili nel suo paese, come elettricista o vigile del fuoco. Un'altra finalista è Aiyana Rainbow, una DJ e motociclista rumena, caratterizzata dai suoi capelli arcobaleno ruffled come simbolo del suo orientamento queer, e Kenza Layli, un'influencer marocchina che indossa l'hijab e promuove prodotti di igiene personale e turismo locale.

Questi finalisti provengono da diverse parti del mondo e sono tutti estremamente attraenti, combinando un corpo in forma con un volto stupendo e una personalità effervescente, tipica della cultura degli influencer. Le loro biografie e le cause che supportano sono abbastanza interessanti da attrarre follower e marchi.

Sebbene possa sembrare superficiale, questi bellissimi influencer virtuali non sono così diversi dai partecipanti ai concorsi di bellezza reali, soprattutto nel 2024. Hilary Levey Friedman, una sociologa che studia i concorsi di bellezza, ritiene che l'idea di un concorso di bellezza AI non sia una novità, dato l'uso frequente di miglioramenti estetici in questi eventi.

La differenza sostanziale, secondo Friedman, è che i concorrenti di Fanvue sono creati dai loro ideatori, attingendo a stereotipi di bellezza femminile. Tuttavia, le bellezze generata dall'AI, così come le immagini di belle donne tradizionali, possono finire per alimentare un ciclo continuo di immagini che rappresentano una bellezza ideale e irrealistica.

Per quanto riguarda i finalisti di Fanvue, riflettono la visione di bellezza che emerge dall'uso di AI nelle piattaforme come Dall-E, Midjourney e Stable Diffusion, dove la maggior parte delle immagini prodotte rappresenta donne giovani, di carnagione chiara e magre, come riferito dal Washington Post.

Questo circolo vizioso di bellezza può intensificare il divario tra influencer umani e AI, con influencer AI creati appositamente per catturare l'attenzione, come dimostra il folto cappello multicromatico di Aiyana Rainbow.

Nonostante alcune imperfezioni, questi influencer AI stanno attirando un notevole interesse. Ad esempio, la pagina di Seren Ay riceve richieste di consigli sentimentali, mentre Kenza Layli registra tassi di engagement del 5% sui suoi post, numeri che qualsiasi professionista del marketing troverebbe notevoli.

Certamente, il fatto che siano tutti esteticamente piacevoli gioca un ruolo importante in questo fascino. Tuttavia, ciò evidenzia anche il problema più ampio di una società che valorizza uno standard di bellezza specifico, sia esso umano o creato dall'AI.

In conclusione, il concorso di bellezza AI di Fanvue, pur essendo innovativo, riflette e potenzialmente amplifica preoccupazioni preesistenti legate agli standard di bellezza nella società contemporanea.

Logo AiBay