🏗️ Il sito è in costruzione.

L'intelligenza artificiale ora giudica meglio di noi

L'intelligenza artificiale ora giudica meglio di noi

> L'impatto dell'intelligenza artificiale sulle decisioni morali e la potenziale superazione di un test di Turing morale secondo uno studio della Georgia State University.

Una ricerca innovativa della Georgia State University ha aperto nuovi orizzonti nella percezione pubblica dell'intelligenza artificiale (AI), con particolare focus sulle questioni etiche. Supervisata da Eyal Aharoni, professore associato di psicologia, lo studio si è avvalso delle capacità avanzate di modelli di linguaggio come ChatGPT, attirando l'attenzione da marzo dell'anno precedente.

Al centro dell'indagine c'è una versione rivisitata del test di Turing, tradizionalmente utilizzato per valutare la capacità delle macchine di imitare l'intelligenza umana. Questa volta, tuttavia, il punto di domanda era su questioni morali, ponendo ai partecipanti il compito di giudicare risposte senza sapere se provenissero da esseri umani o dalla AI. Sorprendentemente, le valutazioni hanno favorito le risposte generate da ChatGPT, riconosciute come più virtuose, intelligenti ed affidabili rispetto a quelle umane.

Una nuova era di fiducia nell'AI

Questo cambiamento di percezione segnala una crescente fiducia nell'AI per il consiglio morale ed etico, sottolineando l'importanza di comprendere meglio il ruolo dell'AI nella società. Aharoni ha rilevato che, in certe situazioni, l'AI potrebbe persino superare gli esseri umani in un test morale, dimostrando le sue capacità di ragionamento etico. "Cinque o dieci anni fa, ci saremmo aspettati che le risposte dell'AI fossero percepite come inferiori," ha commentato. "Siamo stati sorpresi dal risultato opposto."

L'esito dello studio non solo mette in evidenza i progressi compiuti dai sistemi di AI, ma anche come questi stiano diventando sempre più integrati nelle decisioni di vita quotidiana. La fiducia del pubblico in questa tecnologia sta crescendo, il che porta con sé riflessioni sul suo impiego futuro. "Man mano che ci affidiamo più strettamente all'AI, aumentano anche i rischi associati," ha concluso Aharoni, sottolineando la necessità di un monitoraggio costante sull'evoluzione dello scenario.

Il dibattito sull'assistenza dell'AI in ambito etico getta luce sulla complessità dell'interazione tra uomo e macchina, aprendo la strada a discussioni più ampie su come queste tecnologie potrebbero influenzare il nostro modo di pensare e decidere. In uno scenario in cui l'AI dimostra di avere non solo capacità computazionali avanzate ma anche un apparente senso di moralità, la sfida sarà bilanciare la crescente affidabilità nell'AI con la necessità di mantenere un controllo umano critico sulle decisioni morali fondamentali.

Logo AiBay