🏗️ Il sito è in costruzione.

Guidare un esercito di investigatori digitali nell'era dell'IA

Guidare un esercito di investigatori digitali nell'era dell'IA

> Eliot Higgins e i suoi 28.000 investigatori forensi di Bellingcat mantengono un incredibile fiuto per la verità - e una chiara consapevolezza dei suoi limiti - a Gaza, in Ucraina e ovunque si nascondano atrocità online..

Dieci anni fa, Eliot Higgins poteva mangiare tranquillamente i pasti del servizio in camera in un hotel senza temere di essere avvelenato. Non era ancora stato dichiarato agente straniero dalla Russia; a dire il vero, non era nemmeno considerato una minaccia dalle agenzie di sicurezza di quel paese o di qualsiasi altro. Era semplicemente un britannico con un lavoro amministrativo poco stimolante che aveva iniziato a bloggare sotto lo pseudonimo di Brown Moses - dal nome di una canzone di Frank Zappa - e stava trasformando il suo blog in un vero e proprio sito web. Higgins era un analista di intelligence open source avant la lettre, esaminando foto e video sui social media e altri detriti online per indagare sulle atrocità commesse durante le guerre in Libia e Siria.

In un modo disorganizzato, internet gli forniva così tante prove che aveva iniziato a superare gli investigatori delle Nazioni Unite nelle loro conclusioni. Così decise di diventare professionista. Fondò il sito Bellingcat, ispirandosi alla favola dei topi che trovano un modo per sapere quando il loro predatore si stava avvicinando. Higgins sarebbe stato il topo che metteva il campanello al gatto.

Oggi, Bellingcat è l'agenzia di intelligence open source più importante al mondo. Dalla sua casa nel Regno Unito, Higgins supervisiona un team di quasi 40 dipendenti che hanno utilizzato un insieme in evoluzione di tecniche forensi online per indagare su eventi che vanno dall'abbattimento del volo MH17 della Malaysia Airlines sopra l'Ucraina nel 2014, al rapimento di un cane nel 2020, fino ai vari tentativi di assassinio del dissidente russo Alexei Navalny.

Bellingcat opera come un'ONG con sede in Olanda ma è richiesta ovunque: i suoi dipendenti formano redazioni e conducono workshop; scoprono crimini di guerra; le loro prove forensi sono sempre più parte dei processi giudiziari. Quando ho incontrato Higgins un sabato di aprile, in un pub vicino a casa sua, era appena stato in Olanda per ricevere un premio che onorava i contributi di Bellingcat alla libertà di parola ed era in procinto di tornare per riceverne un altro, per la pace e i diritti umani.

La traiettoria di Bellingcat racconta una storia dura sulla natura della verità nel 21° secolo. Quando Higgins ha iniziato a bloggare come Brown Moses, non aveva illusioni sulle malignità di internet. Ma, insieme a giornalisti in tutto il mondo, ha scoperto che il tribunale dell'opinione pubblica è rotto. I fatti concreti sono stati svalutati; online, chiunque può presentare e credere nelle proprie narrazioni, anche se sono solo tessuti di bugie. Oltre a cercare la verità, Higgins ha anche cercato luoghi dove la verità ha ancora una sorta di valuta e rispetto - dove può funzionare come dovrebbe, dando potere ai deboli e responsabilizzando i colpevoli.

L'anno prossimo potrebbe essere il più grande della vita di Bellingcat. Oltre a monitorare i conflitti in Ucraina e Gaza, i suoi analisti sono inondati da artefatti falsificati relativi alle elezioni negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in India e in decine di altri paesi. Come se non bastasse, c'è anche lo spettro dell'intelligenza artificiale: ancora troppo primitiva per ingannare gli esperti di Bellingcat, ma sempre più abile nel ingannare tutti gli altri. Higgins è preoccupato che governi, piattaforme di social media e aziende tecnologiche non si preoccupino abbastanza e che prenderanno sul serio il pericolo solo quando "ci sarà stato un grande incidente in cui le immagini generate dall'IA causano danni reali" - in altre parole, quando sarà troppo tardi.

Logo AiBay