🏗️ Il sito è in costruzione.

Stanford: IA e VR rivoluzionano gli headset, addio ingombro

Stanford: IA e VR rivoluzionano gli headset, addio ingombro

> Stanford ridefinisce la realtà aumentata con occhiali che combinano guide d'onda a metasuperficie e olografia guidata dall'IA, offrendo un modo rivoluzionario di sperimentare l'integrazione tra digitale e mondo reale. Ecco cosa significa tutto ciò..

Il settore di realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) ha affrontato numerose critiche negli anni, principalmente per le dimensioni e il peso degli occhiali utilizzati. Nonostante i dispositivi e le esperienze XR abbiano raggiunto livelli impressionanti, l'ingombro di tali apparecchiature rappresenta un ostacolo significativo. Dispositivi pesanti e poco attraenti, come il Quest 2, ormai sul mercato da quattro anni a $200, sono solo la punta dell'iceberg di costi che possono arrivare fino a $3500, come nel caso dell'Apple Vision Pro.

Fortunatamente, la scienza e la tecnologia stanno facendo passi da gigante verso soluzioni più pratiche e maneggevoli. Un team di ricerca dell'Università di Stanford, guidato dal professore associato di ingegneria, Gorden Wetzstein, sta sviluppando un prototipo rivoluzionario di occhiali leggeri che possono visualizzare immagini digitali, integrandole quasi invisibilmente con il mondo reale. Questo dispositivo appare esternamente come un normale paio di occhiali, ma offre all'utente un'esperienza visiva arricchita di immagini tridimensionali a colori grazie alla tecnologia olografica avanzata.

Il gruppo di Wetzstein si concentra su tecnologie fondamentali e avanzamenti scientifici nell'AR olografica e nell'imaging computazionale. L'approccio di Stanford, a differenza delle soluzioni di aziende come Apple e Meta, evita l'uso di schermi tradizionali miniaturizzati davanti agli occhi. Invece, modula e controlla il percorso della luce attraverso sottili dispositivi chiamati metasurface waveguides, manipolando fase, ampiezza e polarizzazione della luce.

Questi progressi non sarebbero possibili senza l'ausilio dell'intelligenza artificiale (AI), che gioca un ruolo cruciale nell'ottimizzazione del comportamento della luce attraverso l'ambiente olografico. Le AI integrano il riconoscimento di pattern e l'ottimizzazione in tempo reale, essenziali per garantire la precisione visiva e l'adattabilità alle condizioni ambientali e di illuminazione variabili.

Sebbene il prodotto di Stanford sia ancora in fase prototipale, le implicazioni di questa tecnologia sono enormi. Potrebbe significativamente ridurre l'ingombro degli attuali dispositivi di computing spaziale e XR, rendendoli tanto accessibili quanto un paio di occhiali tradizionali. Questo sviluppo apre una finestra su un futuro potenzialmente rivoluzionario per l'AR e la VR, rendendo queste tecnologie integrabili nella vita di tutti i giorni con disturbo minimo per l'utente.

Certo, il percorso dalla ricerca alla commercializzazione può richiedere tempo, ma le evoluzioni nel campo non sono lontane. Guardando ai rapidi miglioramenti tecnologici degli ultimi anni, il futuro della realtà aumentata appare sempre più a portata di mano.

Logo AiBay