🏗️ Il sito è in costruzione.

OpenAI potrebbe svelare il suo rivale di Google lunedì

OpenAI potrebbe svelare il suo rivale di Google lunedì

> Poco prima dell'evento I/O di Google, probabilmente non per coincidenza.

OpenAI si prepara a lanciare un innovativo prodotto di ricerca basato sull'intelligenza artificiale che potrebbe minacciare il predominio di Google. Secondo quanto riferito da due fonti a Reuters, l'annuncio è previsto per lunedì, giusto un giorno prima dell'inizio della conferenza annuale I/O di Google, durante la quale si prevede che il gigante della ricerca presenterà i propri modelli di IA, tra cui Gemini e Gemma.

Questa notizia segue voci precedenti riportate da Bloomberg e The Information, che indicavano OpenAI al lavoro su un prodotto di ricerca basato sull'intelligenza artificiale, in grado di esplorare il web. Bloomberg ha specificato che la funzione di ricerca di OpenAI verrà integrata nel suo chatbot ChatGPT, includendo citazioni, mentre The Information ha suggerito che il servizio di ricerca potrebbe essere "in parte alimentato da Bing".

Da quando è stato introdotto a novembre 2022, ChatGPT ha visto una rapida adozione per la raccolta di informazioni, nonostante la reputazione non eccellente in termini di accuratezza o aggiornamento dei dati. OpenAI, tuttavia, sembra decisa a rafforzare questa fiducia, cercando di attrarre gli impiegati di Google per lavorare sulla propria offerta di ricerca, come riportato da The Verge.

Non solo OpenAI si mostra come una minaccia per Google nel settore della ricerca: Perplexity, una start-up con un investimento di 1 miliardo di dollari fondata da un ex ricercatore di OpenAI, ha dichiarato di aver raggiunto i 10 milioni di utenti attivi mensili a gennaio.

Di fronte a queste sfide e alla battaglia legale antitrust con il DOJ riguardante il suo dominio nel settore della ricerca, Google si trova in una posizione delicata. L'entrata in scena di OpenAI, soprattutto alla vigilia dell'evento I/O di Google, sembra voler mandare un messaggio chiaro, una sfida che Google farebbe bene a non sottovalutare, considerando la crescita esponenziale di ChatGPT.

Prabhakar Raghavan, capo della ricerca Google, ha espresso preoccupazione riguardo alle innovazioni nel settore e alla necessità per Google di adattarsi rapidamente alle nuove realtà di mercato. Ha sottolineato l'importanza della fiducia che gli utenti ripongono in Google, ritenuta ancora insostituibile anche di fronte a nuove tecnologie affascinanti.

Logo AiBay