Spagna condanna 15 studenti per immagini false generate da intelligenza artificiale

Spagna condanna 15 studenti per immagini false generate da intelligenza artificiale

> Minorenni indagati dopo la segnalazione dei genitori nel sud-ovest della Spagna per la circolazione di foto falsificate delle loro figlie

Un tribunale nel sud-ovest della Spagna ha condannato 15 studenti a un anno di libertà vigilata per aver creato e diffuso immagini generate dall'intelligenza artificiale di loro coetanee femmine. Il caso ha sollevato un dibattito sull'uso dannoso e abusivo della tecnologia deepfake.

L'indagine della polizia è iniziata lo scorso anno, quando i genitori nella città di Almendralejo, in Estremadura, hanno segnalato la circolazione su gruppi WhatsApp di foto false di nudo delle loro figlie.

La madre di una delle vittime ha dichiarato che la diffusione delle immagini su WhatsApp andava avanti da luglio. "Molte ragazze erano completamente terrorizzate e avevano tremendi attacchi d'ansia perché stavano soffrendo in silenzio", ha detto a Reuters. "Si sentivano male e avevano paura di dirlo temendo di essere incolpate."

La sentenza del tribunale

Martedì, un tribunale minorile nella città di Badajoz ha condannato i minori per 20 capi d'accusa di creazione di immagini di abusi su minori e 20 capi d'accusa di reati contro l'integrità morale delle vittime.

Ciascun imputato è stato condannato a un anno di libertà vigilata e dovrà frequentare corsi di sensibilizzazione su genere e uguaglianza, nonché sull'"uso responsabile della tecnologia".

La sentenza ha stabilito che i minori hanno utilizzato applicazioni di intelligenza artificiale per ottenere immagini manipolate, prendendo i volti originali delle ragazze dai loro profili social e sovrapponendoli a corpi femminili nudi. Le foto manipolate sono state poi condivise su due gruppi WhatsApp.

La polizia ha identificato diversi adolescenti tra i 13 e i 15 anni come responsabili della generazione e condivisione delle immagini.

Implicazioni sociali del caso

L'Associazione Malvaluna, che ha agito per conto delle famiglie colpite, ha dichiarato che il caso ha implicazioni per la società spagnola in generale. "Al di là di questo particolare processo, questi fatti dovrebbero farci riflettere sulla necessità di educare le persone all'uguaglianza tra uomini e donne", ha detto l'associazione al giornale online ElDiario.es.

L'associazione ha sottolineato la necessità di una corretta educazione sessuale a scuola, affinché i bambini non imparino il sesso dalla pornografia, che "genera più sessismo e violenza".

Questo caso evidenzia i pericoli dell'uso improprio della tecnologia di intelligenza artificiale e l'importanza di educare i giovani su temi come il rispetto, l'uguaglianza di genere e l'uso etico delle nuove tecnologie.

Logo AiBay